L’alba dentro un imbrunire. Vie d’uscita dal disastro antropologico / II. Dipingere il nemico

marzo 29, 2011 § Lascia un commento

 raffaele mantegazza 

Non abbiamo paura di usare il termine “nemico”; del resto lo usa anche Gesù (Mt 5, 43). Il comandamento dell’amore verso il proprio nemico prevede che un nemico vi sia. E il nemico non è semplicemente la persona che abbiamo di fronte, il singolo oppressore: nemica è la struttura di pensiero, azione e potere che ha messo al mondo l’oppressore e contribuisce perpetuare l’oppressione. « Leggi il seguito di questo articolo »

L’alba dentro un imbrunire/ Vie d’uscita dal disastro antropologico (I)

febbraio 25, 2011 § Lascia un commento

 raffaele mantegazza

Si può uscire dal tunnel. L’idea di trovarci in una scatola chiusa, in una gabbia senza uscite,  la claustrofobia sociale che non ci fa vedere vie d’uscita, il senso di impotenza e di rassegnazione   perché “tanto non cambia mai niente”; tutto questo  fa parte dei dispositivi e dei meccanismi del dominio; un mondo popolato da soggetti rassegnati o soltanto incattiviti in una rabbia tutta rivolta contro l’interno, a metà strada tra la posizione paranoica e la posizione depressiva  è l’ideale della forma di dominio che oggi dobbiamo invece affrontare e sconfiggere. « Leggi il seguito di questo articolo »

Come si diventa Silvio/ La fine della discussione

febbraio 18, 2011 § Lascia un commento

 raffaele mantegazza

 I dispositivi per la formazione di un nuovo italiano (4). Sappiamo da qualche secolo che le strutture nelle quali si svolge e si gioca la politica non sono indifferenti rispetto ai contenuti della medesima. Sappiamo anche che le strutture educative non sono indifferenti rispetto al risultato ottenuto dall’educatore. Come potremmo stupirci che le strutture all’interno delle quali si dà oggi la discussione nell’ambito politico agiscano per creare soggetti che riflettono e perpetuano il modo berlsuconiano di fare politica? « Leggi il seguito di questo articolo »

Come si diventa Silvio/ L’uso personale del potere

gennaio 26, 2011 § Lascia un commento

 raffaele mantegazza

I dispositivi per la formazione di un nuovo italiano (3). La dimensione del potere sembra essere la più rimossa da parte degli educatori e delle educatrici, degli/delle insegnanti; essi/e sembrano sempre sottintendere una loro non-partecipazione  nei confronti di un potere che si situa sempre “altrove”: nelle  mani di  Presidi, Provveditori, Ministri, nelle pieghe della  burocrazia, sulle scrivanie di coloro che vergano i programmi di studio. « Leggi il seguito di questo articolo »

Come si diventa Silvio/ La prevalenza dell’esteriorità

gennaio 14, 2011 § Lascia un commento

 raffaele mantegazza

Continuiamo la nostra rassegna dei comportamenti e degli atteggiamenti apparentemente apolitici che hanno costituito e costituiscono la base per l’implementazione del sistema di potere simboleggiato dalla figura di Silvio Berlusconi. « Leggi il seguito di questo articolo »

Come si diventa Silvio/ I dispositivi per la formazione di un nuovo italiano

gennaio 3, 2011 § Lascia un commento

 raffaele mantegazza

Che importanza hanno l’ascesa e il potere di Silvio Berlusconi per un pedagogista? Che cosa gli insegnano dal punto di vista professionale di esperto dei processi educativi? « Leggi il seguito di questo articolo »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: